Test Acustici

  • TEST REPORT: UNIVERSITA’ DI FERRARA

    Coefficienti di assorbimento acustico Mechlav FerraraCoefficienti di fonoassorbimento Mechlav Università di Ferrara

    Le serie AkuPan® e AkuPan® SCREEN sono state testate nella camera riverberante del prestigioso dipartimento di acustica dell’ Università di Ferrara per ottenere i coefficienti di assorbimento acustico necessari per la progettazione acustica delle sale.

    SCARICA I TEST REPORT IN QUESTA PAGINA

    LE PRESTAZIONI PIU’ ALTE DI CATEGORIA

    Tra tutti i pannelli fonoassorbenti in commercio, i nostri risultano avere le prestazioni più alte in assoluto sullo spessore effettivo di 52mm (nominale 50mm) secondo la normativa internazionale UNI EN ISO 354:2003.

    I pannelli fonoassorbenti AkuPan® risultano ad oggi imbattibili dalle frequenze medio-basse alle alte frequenze con la maggiore efficacia sulle frequenze del parlato e delle colorazioni musicali negative.
    I pannelli delle serie Exist, Icon, Dualem, sono derivati dalla stessa tecnologia dei modelli AkuPan®.

    ADERENZA ALLE NORMATIVE, COLLABORAZIONE CON I RICERCATORI

    Le sessioni di test che abbiamo effettuato sono state molteplici e, grazie ad un’importante collaborazione di ricerca e approfondimento con gli ingegneri e ricercatori dell’Università, abbiamo potuto ottenere dei test perfettamente aderenti alle normative.

    Sapendo che le prestazioni dei nostri prodotti sono molto al di sopra della media, abbiamo deciso di approfondire al massimo ogni dettaglio tecnico e abbiamo fatto eseguire molteplici test con diverse configurazioni.

    Nei test, così come deve essere necessariamente fatto in ogni test che risponda in modo corretto alla normativa UNI EN ISO 354:2003, sono stati chiusi i bordi con materiale rigido, sono stati sigillati a terra e sono stati esclusi dal calcolo. I test che non dovessero avere queste caratteristiche indicate nel report sono da considerarsi non aderenti alla normativa e quindi con valori più alti rispetto ai valori corretti.

    Allo stesso modo fanno fede le dimensioni e gli spessori riportati nel report e indicanti le grandezze reali e non nominali dei prodotti.

    MOLTEPLICI TEST REPORT DISPONIBILI

    Ad oggi abbiamo a disposizione un totale di cinque test per la serie di pannelli AkuPan® e i prodotti da essa derivati:

    • Due test planari (per l’installazione dei pannelli in aderenza alle superfici, pareti o soffitti) presso l’Università di Ferrara con differente grado di diffusività della sala, sempre mantenendosi all’interno della validità della prova. I due test dimostrano la differente prestazione dei pannelli in condizioni di diffusività massima e minima. E’ a discrezione del tecnico se utilizzare gli uni o gli altri coefficienti di assorbimento acustico.
    • Un test ad elementi discreti (per l’installazione dei pannelli come divisori bifacciali) presso l’Università di Ferrara
    • Un test di controllo presso un istituto accreditato Accredia
    • Un quinto test in ambiente domestico/commerciale e installazione distanziata tra i pannelli e tra le superfici

     

    PERCHE’ I COEFFICIENTI DI ASSORBIMENTO αS SUPERANO IL VALORE DI 1.00?

    La normativa ISO 354 prevede l’utilizzo di una camera riverberante che rispetti le condizioni di validità della formula di Sabine e si stabilisca un perfetto campo diffuso. Introducendo il materiale fonoassorbente e posizionandolo su un’unica superficie questa condizione viene meno e, per alcuni materiali molto performanti, ne può derivare un risultato talvolta superiore a 1.00. Il test, per essere valido, deve necessariamente escludere, sia fisicamente con barriere perimetrali che da calcolo, la superficie dei bordi laterali.

    Il valore ottenuto non è “assurdo” ma è una grandezza fisica chiamata “Alfa Sabine” o “Coefficiente di assorbimento acustico in campo diffuso”. Per stimare l’assorbimento acustico dei materiali in una sala applicando la formula di Sabine si possono utilizzare i valori Alfa Sabine come riportati dalle norme ISO 354, anche con valori superiori a 1.00.

    E’ possibile convertire i valori di “Alfa Sabine” in “Alfa Vero” (cioè in una scala che va da 0% a 100%) riportando i valori entro l’1.00 (100% matematico) ma quando un produttore di materiale fonoassorbente riporta i valori ISO 354 per elementi planari, essi sono espressi sempre in Alfa Sabine (αS) a meno che non sia indicata la dicitura “Alfa Vero”.

    Se due materiali hanno, ad una data frequenza, uno un assorbimento con coefficiente αS superiore a 1.00 e l’altro inferiore a 1.00, nel riportare i valori in Alfa Vero per entrambi (in una scala 0.00/1.00), si avrà il primo materiale con valore 0.99/1.00 e l’altro con valore più basso rispetto al valore iniziale. Nella scelta dei materiali, quindi, un coefficiente αS alto anche superiore a 1.00 è indice di alte prestazioni e quindi ideale per avere maggiore successo nelle situazioni critiche.

    Anche ad orecchio si può notare facilmente la differenza tra un pannello con alfa 0,90/1.00 e un pannello, come il nostro, che arriva ad alfa 1,11: parlandoci davanti, i nostri pannelli hanno un effetto di “sparizione” della voce molto più pronunciato.

    ESEMPIO DI INTERVENTO PANNELLI SERIE AKUPAN
    Obiettivo dell’intervento: eliminazione del riverbero e degli echi in una sala ristorativa per permettere ai clienti una più piacevole permanenza nel locale.
    DIMENSIONI SALA DEL TEST (ristorante): 10,7m x 5,52m, altezza 3,50m
    Raggiunto livello ottimale di comfort con 6 pannelli AkuPan FireSafe 1218 (180x120x5)
    Rilevata riduzione dell’impulso di 8,55dBFS dopo 12,19ms
    Rilevata riduzione RT60 da 1,852sec @ 500Hz a 0,878sec @ 500Hz

    FILTERED IMPULSE RESPONSE ambiente non trattato
    locale non trattato acusticamente

    FILTERED IMPULSE RESPONSE ambiente trattato
    ambiente trattato acusticamente

    RT60 (tempo di riverbero) ambiente non trattato
    tempo di riverbero ambiente non trattato

    RT60 (tempo di riverbero) ambiente trattato
    tempo di riverbero ambiente trattato

     

    Basse frequenze: analisi acustiche in situazione reale

    P1050289small

    SpectralDecay

    In questa pagina vengono riportate le analisi effettuate in una sala di dimensioni 6,16m x 2,63m x 2,40m (16,2m2, 38,8m3). Le analisi sono state effettuate con punto di ascolto al 38% della lunghezza maggiore e si focalizzano nel range da 30Hz a 140Hz circa. Il sistema di ascolto è Tannoy SRM 12B Little Red Monitor.

    Lo Small Kit è formato da:

    Assorbimento:

    • 2 LowMaster 20 da 60 cm a Membrana (front tricorners)
    • 1 LowMaster 20 da 60 cm a Membrana (front ceiling corner)
    • 1 LowMaster 20 da 60 cm Broadband (backwall tricorner)
    • 1 LowMaster 15 da 40 cm Broadband (backwall corner)
    • 3 LowMaster 10 da 80 cm Broadband (cloud – prime riflessioni verticali +inserti in faggio+faretti)
    • 2 LowMaster 15 da 120 cm Broadband (side – prime riflessioni laterali)

    Diffusione:

    • 2 QRD7 Custom (backwall)

     

    Nel Medium Kit sono stati aggiunti:

    Assorbimento:

    • 1 LowMaster 20 da 60 cm Broadband (back wall corners)
    • 3 LowMaster 20 da 120 cm a Membrana (corners)
    • 1 LowMaster 20 da 120 cm Broadband (ceiling)
    • 1 LowMaster 15 da 120 cm a Membrana (backwall corner)
    • 5 LowMaster 20 da 60 cm a Membrana (walls)

    Diffusione:

    • 7 PureQrd (walls /ceiling)
    • 2 PolyDiffusors

     

    Waterfall & Spectral Decay – Confronto Analisi

    ComparisonOudimmo

     

    SpectralDecay

     

    Waterfall  – Stanza vuota

    1-vuota

     

    Waterfall  – Kit 1

    Il Kit 1 è formato da:

    Assorbimento:

    • 2 LowMaster 20 da 60 cm a Membrana (front tricorners)
    • 1 LowMaster 20 da 60 cm a Membrana (front ceiling corner)
    • 1 LowMaster 20 da 60 cm Broadband (backwall tricorner)
    • 1 LowMaster 15 da 40 cm Broadband (backwall corner)
    • 3 LowMaster 10 da 80 cm Broadband (cloud – prime riflessioni verticali +inserti in faggio+faretti)
    • 2 LowMaster 15 da 120 cm Broadband (side – prime riflessioni laterali)

    Diffusione:

    • 2 QRD7 Custom (backwall)

    2-smallkit

     

    Waterfall  –  Kit 2

    Nel Kit 2 sono stati aggiunti:

    Assorbimento:

    • 1 LowMaster 20 da 60 cm Broadband (back wall corners)
    • 3 LowMaster 20 da 120 cm a Membrana (corners)
    • 1 LowMaster 20 da 120 cm Broadband (ceiling)
    • 1 LowMaster 15 da 120 cm a Membrana (backwall corner)
    • 5 LowMaster 20 da 60 cm a Membrana (walls)

    Diffusione:

    • 7 PureQrd (walls /ceiling)
    • 2 PolyDiffusors

    3-mediumkit

     

    I test che abbiamo effettuato hanno evidenziato l’enorme potere fonoassorbente in bassissima, bassa e mediobassa frequenza per il nostro pannello top di gamma, la  LowMaster 20 a Membrana da 20cm di profondità nelle versioni da 60 e 120 cm (con prestazioni identiche alla serie Kombat).

    Con il Kit 1, composto da trappole in prevalenza LowMaster da 60x60x20 cm nei tri-corners (angoli formati tra due pareti e il soffitto o pavimento), abbiamo ottenuto un notevole miglioramento a 50Hz , 80Hz e dai 110Hz in su.

    Con il Kit 2 (aggiunta di trappole per basse frequenze tra cui quelle a membrana da 120x60x20 cm negli angoli) abbiamo ottenuto un’incredibile pulizia in tutta la zona delle basse e mediobasse frequenze eliminando di fatto le tre grosse risonanze modali a 50Hz, 80Hz, 110Hz e oltre.

  • Riportiamo qua sotto i gif animati che mettono a confronto le analisi acustiche effettuate nella sala vuota e nella sala con installati i prodotti cilindrici (tipo tube) assorbenti/diffusivi della concorrenza (Immagine A). La differenza, come ben spiegano le immagini, è minima. Nell’immagine B viene invece riportata la differenza tra sala vuota e sala trattata con prodotti Oudimmo Acoustic Design. Il costo finale del trattamento delle basse frequenze di questa sala è stato minore del costo dei prodotti della concorrenza, nonstante le prestazioni siano risultate maggiori.

    IMMAGINE A – Concorrenza

    Comparison Spectral Decay

     

    IMMAGINE B – Oudimmo Acoustic Design

    Spectral Decay mlz