Menu

Trattamento acustico delle medie e alte frequenze, degli echi e delle riverberazioni nelle sale HIFI e Home Theatre abitative non dedicate

In questa pagine discuteremo di come affrontare il trattamento acustico delle medie e alte frequenze, degli echi e dei riverberi nelle sale Hi-Fi e Home Theatre non dedicate.

La corretta gestione del registro medio e alto nelle sale di ascolto ci permette di ottenere la giusta colorazione del suono, impedendo alle energie in eccesso di compromettere il nostro ascolto. Normalmente si seguono regole iniziali ma nel caso specifico delle sale HiFi e Home Theatre non dedicate (quindi abitative nel salotto di casa, come la maggior parte di noi), essendo molto alto il valore del proprio giudizio emotivo dell’ascoltatore, tratteremo “con i guanti” il nostro ambiente concentrandoci sui punti che possano offrire meno stress possibile al cambiamento acustico.

Le riflessioni primarie, sia laterali che a soffitto (in parte anche quelle posteriori al punto d’ascolto), nelle sale non dedicate consigliamo di trattarle per ultime e preferibilmente con LowMaster e MagnetFusors in modo da aprire la scena e il palcoscenico sonoro ma mantenendo un solido controllo in basso sulla dinamica e i transienti.

Concentriamo quindi il nostro trattamento verso le macro-aree di cui si parlava negli articoli precedenti pensando per prima cosa ai chiari e agli scuri del nostri suono che sono più facilmente trattabili con elementi di dimensioni contenute, applicabili alle pareti e, volendo, trasformabili alla vista in veri e propri quadri acustici come la nostra serie AkuPan ART con stampa a sublimazione su tessuti tecnici fonotrasparenti certificati.

Se il problema è l’eccessivo eco (chiamato eco fluttuante) o l’eccessiva riverberazione, allora potremo inserire dei pannelli AkuPan (oppure bass traps serie Kombat o LowMaster per scendere maggiormente in frequenza) sulle pareti dietro alle casse o dietro al punto d’ascolto.

Questi due punti offrono due soluzioni differenti al nostro suono confuso: trattando le pareti dietro le casse andremo a ridurre le energie negative già riflesse all’interno della sala e quelle delle riflessioni causate dalla diffrazione del suono con i margini del nostro sistema, migliorandone l’intelligibilità e il fuoco (con bass traps tratteremo anche le interferenze che le pareti creano nel registro basso).

Trattando la parete posteriore al nostro punto d’ascolto andremo ad assorbire l’energia diretta che è appena passata vicino alle nostre orecchie. Questo intervento, per un audiofilo, a meno che non si abbiano evidenti problemi di suono molto fastidioso in alta frequenza, è da compiere con la massima cautela scegliendo bass traps a membrana e/o i nostri tessuti modello HIFI, più diffusivi sulle alte frequenze, inserendo successivamente, con la serie LowMaster delle nostre trappole per basse frequenze, i diffusori ad aggancio magnetico MagnetFusors in modo da avere la possibilità di aprire nuovamente la scena su medie e alte frequenze dopo aver ottenuto un netto miglioramento delle basse e mediobasse frequenze.

Possiamo considerare anche il soffitto per trattare acusticamente fino alle basse frequenze ma, se non per oggettivi problemi di eccessiva colorazione acuta, metallica, stridente e faticosa, oppure dimensionamenti particolarmente difficili della sala (per esempio piante quadrate o sale cubiche) consigliamo di coprire le riflessioni primarie come ultimissimo passaggio. Le altre zone a soffitto dietro al punto d’ascolto o comunque al di fuori delle riflessioni primarie, sono invece molto utili per ridurre le eccessive energie negative della sala.

Come vedete per molti aspetti diciamo l’opposto di altri e non abbiamo paura di frenare un vostro eventuale acquisto superfluo. Questo perchè, a differenza di altri, essendo tecnici del suono e musicisti abbiamo sempre usato le orecchie per lavorare creando successivamente questi trattamenti acustici per noi, prima ancora che per la vendita.

Riassumendo quindi:

  • ascoltate la vostra sala;
  • definite le macro aree del suono che secondo il vostro gusto personale vanno corrette;
  • scegliete il prodotto che per ragioni estetiche e di correzione fa al caso vostro (contattateci se desiderate un progetto personalizzato).

Una nota sui prodotti consigliati:

  • nelle sale HiFi, inserite possibilmente bass traps sempre a membrana per una maggiore ariosità su registro medio e alto;
  • scegliete bass traps con lo spessore maggiore che potete inserire nel vostro ambiente: abbiamo anche la possibilità di togliere l’airgap dalle nostre bass traps risparmiando 5cm di spazio che può risultare fondamentale in ambito domestico. Per esempio una Kombat o LowMaster di spessore 20cm con airgap possono arrivare comunque ad assorbire fino a 40Hz anche se vengono ridotte a 15cm.

Contattateci se avete dubbi o domande oppure compilate il modulo per la consulenza acustica gratuita per richiedere un progetto acustico personalizzato: saremo ben lieti di aiutarvi a compiere un passo fondamentale per la migliorare la qualità della vostra sala e delle vostre passioni!